Il segreto per raggiungere la felicità in tre semplici passaggi

"Concedimi la serenità di accettare le cose che non posso cambiare, il coraggio di cambiare le cose che posso e la saggezza per conoscerne la differenza."
Il segreto della felicità è semplice. Si basa su questa famosa citazione del professore Reinhold Niebuhr.
Come è possibile implementare questo principio?

Seguite questi 3 passaggi.
Fase 1: Identificare le fonti di infelicità.
Per questo passaggio,sono necessari due fogli di carta e una penna o una matita. Prendere il primo foglio di carta e fare una lista di tutto ciò che nella tua vita che ti da infelicità o insoddisfazione. La lista di ogni persona sarà diversa e l'elenco si potrà cambiare periodicamente in modo che si potrà fare una nuova lista con la frequenza desiderata.
Forse nel periodo dell’adolescenza l’infelicità derivava dalla mancanza di autonomia, in età adulta derivava da problemi finanziari, col prosieguo dell’età, la salute è diventata una fonte di preoccupazione. Una volta che avete sviluppato la vostra lista, utilizzate un secondo foglio per organizzarla: in cima alla lista indicate ciò che provoca maggiore infelicità e procedete in ordine decrescente terminando con ciò che provoca meno infelicità. Guardate il vostro elenco ordinato e mettere un segno meno (-) davanti a voci non si possono cambiare e alle cose che non sono sotto il vostro controllo, e mettere un segno più (+) accanto agli elementi che possono essere modificati e alle cose che sono sotto il vostro controllo.

Fase 2: Accettare ciò che non si può cambiare.
Per questo passaggio, è necessario focalizzare l’attenzione sugli elementi dalla lista con il segno meno (voci non si possono cambiare e alle cose che non sono sotto il vostro controllo). Leggendo questi elementi col segno meno, si potrebbe decidere che alcuni possono essere trasformati in segni più; ma la maggior parte degli elementi col segno meno non si possono cambiare. Essi potrebbero includere: l'amore non corrisposto, un certo parente o collega di lavoro con cui non andate d’accordo, una condizione di salute, o la vostra età. Il vostro obiettivo è quello di fare pace con queste cose. Rendetevi conto che i fattori di stress si presentano nella vita per una ragione. Noi cresciamo per affrontare le difficoltà e diventiamo migliori. Invece di sentirci arrabbiati per le cose che non si possono cambiare, sentiamoci grati. Dire "grazie" per la possibilità di crescere. Leggiamo ogni sfida che la vita ci presenta come una lezione per imparare. Qual è la lezione di fondo? È la pazienza, la persistenza, l'empatia, il perdono, l'amore.

Fase 3: Cambiare ciò che è sotto il vostro controllo.
Per questo passaggio, è necessario focalizzarsi sugli elementi dalla lista col segno più (elementi che possono essere modificati e cose che sono sotto il vostro controllo). Ognuno di questi elementi richiederà una soluzione unica. Ad esempio, problemi di salute e dell'infanzia possono richiedere cure mediche e un buon terapista; problemi dell’immagine corporea richiedono sana alimentazione ed esercizio fisico; superare problemi finanziari richiede cambiare lavoro.
La buona notizia è che semplicemente scrivere le cose che si desidera cambiare vi indirizzerà verso la risoluzione di quel problema. La parte restante necessaria a cambiare ciò che è sotto il vostro controllo può richiedere un grande sforzo, energia e determinazione, ma né sarà valsa la pena.
Se gli elementi in cima alla lista richiedono immenso cambiamento, si potrebbe iniziare dagli elementi in basso per poi incrementare progressivamente.

E voi siete felici? La citazione del prof. Reinhold Niebuhr è particolarmente pertinente: è necessario il coraggio di cambiare le cose sotto il vostro controllo. Ricordati che sei il protagonista della tua vita e puoi ottenere i risultati che cerchi.

Ultimi articoli pubblicati

Le persone spesso usano i termini preoccupazione e ansia in modo intercambiabile, in realtà sono stati psicologici totalmente diversi. Sebbene entrambi siano associati a un generale senso di...
Quando pensi all’immagine stereotipata di psicologo, la maggior parte delle volte appresa dai film, è quello il tipo di psicologo che devi evitare.  Noi che svolgiamo questo mestiere, siamo un po’ ...
Perché curare l’ansia?
17 Ottobre 2017
L’ansia è quella condizione di malessere caratterizzata da un insieme di reazioni fisiche e mentali che compromettono la vita quotidiana di colui che ne soffre. Il soggetto con ansia si percepisce...
Quando si pensa all'intimità, ciò che può immediatamente venire in mente è l'attrazione fisica e il contatto. E questa è una componente enorme di ciò che significa essere intimi. L'intimità è...
I miti comuni e le idee sbagliate. Ecco alcuni luoghi comuni associati alla depressione:1. La depressione è più che tristezza.2. La depressione non è debolezza.3. Gli antidepressivi non ti...